Make your own free website on Tripod.com

4 Ottobre 2000

Aumentano i casi di Epatite C: preoccupazioni degli operatori sanitari

Christine Lagorio
Badger Herald
U. Wisconsin

 

U-WIRE MADISON, Wis. – L’aumento delle segnalazioni di nuovi casi di epatite da virus C ha indotto i funzionari statali e federali a preoccuparsi per una  possibile epidemia.

Il numero annuale di decessi per infezioni croniche da Virus dell’epatite C (HCV) si ritiene che triplicherà nei prossimi venti anni dal numero odierno totale di oltre 8.000 vittime, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention.

“La maggior parte dei casi recentemente segnalati di infezione HCV riguarda individui che possono avere avuto la malattia quiescente per anni”, ha detto Scott Spear, direttore dei servizi clinici della University Health Services.

"Probabilmente molti soggetti attualmente con l’Epatite C si sono infettati molti anni fa. Ora li stiamo individuando" ha detto Spear.

Il motivo per cui i casi quiescenti di infezioni HCV non erano noti è che i tests per l’HCV sono diventati disponibile soltanto negli ultimi 10 anni.

 "Si stanno scoprendo molti nuovi casi," ha detto l’epidemiologo Craig Roberts. "In realtà, l’aumento dei casi di HCV è un indicatore artificiale perché i tests sono diventati disponibili solo negli ultimi dieci anni."

Il virus dell’epatite C (HCV) è uno solo dei diversi virus che colpiscono il fegato causandone una infiammazione. Si calcola che quasi il due per cento della popolazione degli Stati Uniti sia infettata dall’HCV, secondo I dati del CDC. Ma soltanto una parte della popolazione infettata presenta dei sintomi, ha detto Spear. "Alcuni soggetti stanno benissimo, mentre altri possono presentare un certo affaticamento ed altri ancora possono avere un quadro di insufficienza epatica cronica, " ha detto.

Il test per l’HCV è effettuato soltanto in risposta ai sintomi. La maggior parte dei casi diagnosticati recentemente non sono stati scoperti durante l’esame fisico.

Una grave preoccupazione legata alle proporzioni epidemiche del numero dei casi di HCV scoperti è l'alto costo connesso con il trattamento della malattia. Le epatopatie da virus C sono attualmente la causa principale dei trapianti di fegato e costano più di 600 milioni di dollari in termini di farmaci e perdita di lavoro, non calcolando ancora il costo dei trapianti.

Gli studenti non devono preoccuparsi di sottoporsi al test dell’HCV a meno che siano venuti in contatto con sangue o fluidi corporei di una persona infetta, ha detto Roberts.

"L’epatite C si trasmette soprattutto con l’uso di sostanze iniettabili ed è una cosa relativamente rara nelle città universitarie, " ha detto Roberts.

Spear sottolinea che anche le precauzioni prese durante I rapporti sessuali impediscono la trasmissione.

"I giovani con diversi partners hanno certamente un rischio maggiore," ha detto, "è quindi un ulteriore motivo per usare i preservativi." Il rischio di diffusione dell’HCV attraverso il contatto sessuale è molto minore che nell' epatite B.

Agli studenti si consiglia di vaccinarsi contro l’epatite B. La vaccinazione per l’epatite A è anch’essa disponibile per gli allievi che stanno progettando di viaggiare in zone che hanno problemi di contaminazione delle acque o degli alimenti. Attualmente non c’è alcun vaccino disponibile per l’HCV ed esistono soltanto trattamenti parziali della malattia.

"Esiste qualche terapia efficace per alcuni gruppi di pazienti," ha detto Spear. "Un trattamento comune consiste nel somministrare farmaci che stimolano il sistema immunitario dell’organismo. "

(C) 2000 Badger Herald via U-WIRE